Trascrizione atti di stato civile provenienti dall’estero - Comune di Collecchio

Procedimenti - Comune di Collecchio

Trascrizione atti di stato civile provenienti dall’estero

Trascrizione atti di stato civile provenienti dall’estero

Responsabile del procedimento: Margherita Mambrioni, Carmela Musumeci
  • Soggetto titolare del potere sostitutivo in caso di inerzia

  • Titolare del potere sostitutivo: Dott. Adolfo Dino, Segretario Generale
  • Telefono: 0521 301124
  • Email: segreteria@comune.collecchio.pr.it
  • Modalità di attivazione del potere sostitutivo: possono attivare il potere sostitutivo i cittadini che hanno presentato istanza quando, essendo scaduti i termini per la conclusione del relativo procedimento, il Responsabile dello stesso non ha ancora emanato il provvedimento finale; la richiesta di attivazione del potere sostitutivo può essere presentata al Segretario Generale tramite posta elettronica all'indirizzo segreteria@comune.collecchio.pr.it
  • Unità organizzativa responsabile dell’istruttoria: Stato Civile

  • Responsabile dell'ufficio: Dott. Filippo Botti
  • Telefono: 0521 301202
  • Email: f.botti@comune.collecchio.pr.it
  • Ufficio competente all'adozione del provvedimento finale: Stato Civile

  • Responsabile dell'ufficio: Dott. Filippo Botti
  • Telefono: 0521 301202
  • Email: f.botti@comune.collecchio.pr.it
Descrizione: I cittadini italiani residenti nel Comune oppure iscritti all'AIRE del Comune di Collecchio possono richiedere personalmente o tramite il Consolato di riferimento che vengano trascritti nei registri di Stato Civile italiani gli atti di stato civile formati all’estero che li riguardano.
Chi può richiederlo: Cittadini italiani residenti nel Comune di Collecchio o iscritti all'AIRE del Comune di Collecchio.
A chi è destinato: Cittadini italiani residenti nel Comune di Collecchio o iscritti all'AIRE del Comune di Collecchio.
Modalità di Attivazione: istanza di parte
Modalità recupero informazioni propri procedimenti in corso: Su domanda dell'interessato
Come si richiede : Gli interessati devono presentarsi in Comune muniti di documento d’identità e firmare un modulo di richiesta di trascrizione.
In alternativa, gli interessati possono rivolgersi al Consolato italiano all'estero competente sul territorio dove risiedono, consegnando gli atti a tale Consolato e chiedendo che vengano inviati per la trascrizione in Italia.
Tempi del procedimento: Senza indugio e comunque entro 30 giorni dal ricevimento della documentazione completa e corretta.
Documentazione rilasciata: Certificato o estratto, su richiesta
Validità documentazione rilasciata: 6 mesi
Spese a carico dell'utente: Marca da bollo da 16 € per la richiesta di trascrizione.
Modalità per l'effettuazione dei pagamenti L'utente può acquistare una marca da bollo da 16 € presso una irvendita esterna (ad es. tabaccheria) e consegnarla all'Ufficiale di Stato Civile contestualmente alla richiesta di trascrizione, oppure può pagare il bollo virtuale (sempre di 16 €) in Comune tramite contanti o bancomat.

Nel caso di invio degli atti tramite il Consolato, occorre rivolgersi a quest'ultimo per informazioni.
Dove rivolgersi: Ufficio Stato Civile, sede municipale di viale Libertà n. 3 - piano terra
Telefono 0521 301230; Fax 0521 301280; civile@comune.collecchio.pr.it
Orario d’apertura:
Lunedì, martedì, mercoledì, venerdì, ore 8.15-13; giovedì, ore 8.15-13.30 e 14.30-17.30; sabato ore 9-12.
Come si raggiunge: Ufficio Stato Civile, piano terra della sede municipale di viale Libertà n. 3 Collecchio
Documenti da presentare: Occorre portare all’Ufficio di Stato Civile l’atto di stato civile che si desidera trascrivere in originale, tradotto in italiano e con legalizzazioni a norma di legge sia sull’originale che sulla traduzione.
Provvedimento sostituibile con una dichiarazione dell'interessato:: No
Riferimenti legislativi (Normativa): art. 17 D.P.R. 396/2000
Strumenti di tutela in favore dell'interessato Chi intende promuovere la rettificazione di un atto dello stato civile o la ricostituzione di un atto distrutto o smarrito o la formazione di un atto omesso o la cancellazione di un atto indebitamente registrato, o intende opporsi a un rifiuto dell'ufficiale dello stato civile di ricevere in tutto o in parte una dichiarazione o di eseguire una trascrizione, una annotazione o altro adempimento, deve proporre ricorso al tribunale nel cui circondario si trova l'ufficio dello stato civile presso il quale è registrato l'atto di cui si tratta o presso il quale si chiede che sia eseguito l'adempimento.
Modalità di attivazione degli strumenti di tutela in favore dell'interessato Ricorso presso il Tribunale di Parma.
Conclusione Con Silenzio Assenso:
Pubblicato il 
Aggiornato il