'Curiamo il presente per trasformare il futuro' - Comune di Collecchio

notizie - Comune di Collecchio

'Curiamo il presente per trasformare il futuro'

'Curiamo il presente per trasformare il futuro'

‘Curiamo il presente per trasformare il futuro’: è una marcia per la Pace consapevole e quanto mai urgente quella immaginata dalle ragazze e dai ragazzi di cinque classi della scuola secondaria di primo grado ‘D. Galaverna’, con l’intenzione di riproporre a Collecchio l’intensa esperienza vissuta ad Assisi lo scorso anno.

 

La marcia è in programma per sabato 23 Marzo e coinvolgerà le classi promotrici 1^ e 2^ E, 2^ e 3^ D, 3^ F e 3^ G insieme a tutta la loro scuola, alle classi della Primaria ‘M. Hack’ di Gaiano ed una rappresentanza della Primaria ‘G. Verdi - N. Mandela’, con la presenza delle Istituzioni locali e dei rappresentanti dei principali luoghi di cura collecchiesi, dalla Casa degli Anziani alla parrocchia e alla Caritas, dall’ANPI all’AVIS e all’Assistenza Volontaria, solo per citarne alcuni.

Coadiuvati nell’organizzazione dalle professoresse Stefania Armagni, Tania Bussi, Sara Ferrari e Cecilia Vezzani, sostenuti dalla Dirigenza scolastica e dall’Amministrazione comunale di Collecchio, i ragazzi hanno fortemente voluto un evento aperto a tutti.

 

- Speriamo nella partecipazione di tante cittadine e cittadini, oltre che dei rappresentanti di tutte le Associazioni che ogni giorno si mettono in gioco per gli altri: - spiegano alcuni dei giovanissimi organizzatori - la Pace non si riferisce solo all’assenza di guerre, ma significa sostenere, curare ed accogliere il prossimo. -

 

- Manifestare insieme ai più giovani non è semplicemente un modo per rappresentare un potente dissenso contro la guerra e le sue atrocità - sottolinea la sindaca Maristella Galli -  ma sostenere un messaggio di vera speranza, quella proiettata verso il futuro che solo i ragazzi possono coltivare. -

- Oltre al ripudio della guerra in tutte le sue forme, la nostra partecipazione è simbolo di vicinanza e di sostegno nei confronti delle vittime e dei profughi, che non possono essere lasciati soli. -

 

- Una Marcia della Pace così condivisa - aggiunge il professore Giovanni Brunazzi, Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo ‘Ettore Guatelli’ - rappresenta per il nostro Istituto Comprensivo la manifestazione evidente di un lavoro costante portato avanti sui valori dell’accoglienza, dell’inclusione e della valorizzazione delle differenze che la parola Pace racchiude in sé. -

- La scuola si conferma così l’agenzia educativa per eccellenza, in grado trasmettere quegli stessi valori che riteniamo essere le fondamenta per il futuro e che la società attuale fatica a veicolare. -

 

Il raduno è previsto dalle 8.50 presso la scuola ‘N. Mandela’ (1) con la partenza del corteo intorno alle 9.30 in direzione di via Combattenti per seguire via Nazionale, strada Mulattiera e via Berlinguer fino a raggiungere intorno alle 10 il parco ‘Sara Molendi’ (2), dove il corteo sosterà in memoria della giovane collecchiese vittima di femminicidio, accolto dal Complesso Musicale ‘Città di Collecchio’.

Nell’occasione, la targa ricordo già presente sarà aggiornata con un QR code che si ricollega ad un audio preparato dai ragazzi per raccontare la drammatica vicenda ed invitare al rispetto del luogo.

A seguire, la marcia proseguirà lungo via Aldo Moro, via La Spezia, viale Libertà fino a piazza Repubblica (3) dove verso le 11 è previsto un momento di riflessione sui temi della Pace, della Cura e dei diritti e dove sarà eseguito un canto originale, scritto dalla classe 3^G e musicato dal cantautore salese Marco Merli.

Al termine, si riprenderà a percorrere viale Libertà, via Galaverna, via Circonvallazione Chiesa con rientro previsto intono alle 12 nel cortile della primaria ‘G. Verdi’ di via San Prospero, per un momento di festa a cura dei bambini della Primaria.


Pubblicato il 
Aggiornato il