Raccolta fondi solidale - Comune di Collecchio

notizie - Comune di Collecchio

Raccolta fondi solidale

Raccolta fondi solidale

Istituita una raccolta fondi per emergenza Covid 19 da destinare in via generale a tutte le spese connesse alla gestione dell’emergenza stessa: con questo obiettivo, la Giunta comunale di Collecchio ha attivato uno strumento di sostegno locale ai bisogni delle persone e delle famiglie in questo momento straordinario.

 

- L’emergenza sanitaria in corso sta già determinando gravi ripercussioni economiche, a partire dal fronte occupazionale, - sottolinea la Sindaca Maristella Galli - mettendo in seria difficoltà i redditi delle famiglie.-

- A fronte di una condizione critica in rapidissima evoluzione, si è ritenuto necessario approntare risposte concrete a supporto materiale dei collecchiesi - continua la Galli - che andranno ad affiancare decisioni già assunte come la sospensione delle rate degli adempimenti tributari o quella delle rette scolasticheo altre di prossima definizione, in aggiunta a quanto garantito a livello statale e regionale. -

 

Si tratta di una raccolta fondi collegata ad uno specifico conto corrente bancario sul quale fare confluire le donazioni in assoluta sicurezza, destinate ad incrementare una riserva per chi è colpito dall’emergenza sotto diversi punti di vista.

Nel merito, è utilizzato un apposito conto corrente bancario intestato a Comune di Collecchio, codice iban IT85U 03069 65694 000000009535 presso l’Istituto tesoriere comunale Intesa San Paolo, filiale di Collecchio, dove chiunque può donare.

 

È importante chiarire che verrà riconosciuta una detrazione d’imposta su quanto donato sia dalle persone che dalle imprese: allo scopo, nella causale di versamento, deve essere indicato il codice fiscale del donante oltre che la dicitura ‘Emergenza Covid 19’.


SPECIFICHE PER LA DETRAZIONE

Incentivi fiscali per erogazioni liberali in denaro e in natura a sostegno delle misure di contrasto dell’emergenza epidemiologica da COVID-19

L’art. 66, comma 1, del decreto legge 17 marzo 2020, n. 18:

1. Per le erogazioni liberali in denaro e in natura, effettuate nell’anno 2020 dalle persone fisiche e dagli enti non commerciali, in favore dello Stato, delle regioni, degli enti locali territoriali, di enti o istituzioni pubbliche, di fondazioni e associazioni legalmente riconosciute senza scopo di lucro, finalizzate a finanziare gli interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 spetta una detrazione dall’imposta lorda ai fini dell’imposta sul reddito pari al 30%, per un importo non superiore a 30.000 euro.

2. Per le erogazioni liberali in denaro e in natura a sostegno delle misure di contrasto all’emergenza epidemiologica da COVID-19, effettuate nell’anno 2020 dai soggetti titolari di reddito d’impresa, si applica l’articolo 27 della legge 13 maggio 1999, n. 133. Ai fini dell'imposta regionale sulle attività produttive, le erogazioni liberali di cui al periodo precedente sono deducibili nell'esercizio in cui sono effettuate. 3. Ai fini della valorizzazione delle erogazioni in natura di cui ai commi 1 e 2, si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni di cui agli articoli 3 e 4 del decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali del 28 novembre 2019. 4. All'onere derivante dall'attuazione del presente articolo si provvede ai sensi dell’articolo 126.

 


Pubblicato il 
Aggiornato il