‘In difesa dei morti’ - Comune di Collecchio

notizie - Comune di Collecchio

‘In difesa dei morti’

‘In difesa dei morti’

In occasione del Giorno della Memoria 2020, sabato 25 Gennaio alle 19 al Teatro alla Corte di Giarola è in programma una lettura pubblica con accompagnamento musicale di brani tratti da ‘L’ebreo errante’ di Elie Wiesel, organizzata dall'Associazione UOT in collaborazione con il Comune di Collecchio.

 

L’evento, intitolato ‘In difesa dei morti’, racconta di una generazione di padri e figli mandati al massacro e di una generazione di carnefici in grado di esprimere il peggio che l’umanità possa concepire. Intorno a loro, il mondo degli indifferenti, che guardò e non vide, che udì e non ascoltò, che conobbe e non reagì.

Nato nel 1929 in Romania da genitori ebrei, Elie Wiesel, che visse la Shoah a Buna, succursale di Auschwitz, e poi a Buchenwald, insignito del Premio Nobel per la pace nel 1986, ha espresso come giornalista e come scrittore la perennità di quel ‘bando ebraico’ che ci ricorda l'orrore del nazismo e in genere di tutti i regimi fondati sull'intolleranza.

La lettura ha la voce di Marco Musso e l’accompagnamento al violoncello di Luisa Montagna, che ha selezionato i brani musicali.

 

Celebriamo la Memoria soprattutto per ricordarci che l’Olocausto non sarà mai finito finché al mondo ci saranno vittime inascoltate, carnefici liberi di operare il loro orrore e genti a loro indifferenti.

 

 

MARCO MUSSO

Voce

Deve la sua formazione artistica a Europa Teatri (Parma), al direttore di doppiaggio Mario Maldesi e allo speaker Alberto Lori. Approfondisce poi vari aspetti dell’arte drammatica frequentando importanti laboratori e seminari sotto la guida di maestri quali Elena Bucci, Danio Manfredini, Philippe Hottier. Nel 2007 va in scena con Short Plays, di Samuel Backett, per la regia di Pier Paolo Nizzola. Collabora come doppiatore e speaker con enti pubblici e privati e ha prestato la sua voce a Tramondo, cortometraggio in stop-motion della MagicMindCorporation, vincitore di vari premi cinematografici e che ha ricevuto anche una nomination al David di Donatello 2007. Nel 2007 è stato uno dei conduttori del ParmaPoesiaFestival.

All’inizio del 2008 fonda, assieme ad alcuni amici, il Teatro di Minosse col quale porta in scena “Aspettando Kakà . L’Italia nel Pallone” e “La meravigliosa storia del Mago di Oz”.

Nel 2009, con Europa Teatri, debutta in “Hansel e Gretel”, per la regia di Ilaria Gerbella, spettacolo ripreso più volte nel corso degli anni fino al 2019.

Da alcuni anni, attraverso varie tappe, si appassiona allo studio della voce e alla lettura del testo scritto, e arricchisce le sue esperienze di lettura in pubblico, spaziando dalla poesia, alla favola, al racconto breve.

Dal 2014 comincia una collaborazione con la liutista e tiorbista Francesca Ferrari, con la quale porta in scena in diversi luoghi il reading musicale “Il Funambolo”, tratto dall’appassionante esperienza artistico-spirituale di Philippe Petit.

Dal 2018 comincia a collaborare con Società di doppiaggio e speakeraggio, prestando la voce ad alcuni importanti personaggi di cartoni animati (manga e serie tv anime) in onda sulle reti nazionali. Conduce regolarmente corsi e laboratori sull’uso della voce.

 

L'ingresso è gratuito.

 

LUISA MONTAGNA

Violoncello

Si è diplomata sotto la guida di Paola Mosca presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino, in seguito si è perfezionata con il M°. Adriano Vendramelli all’Accademia Musicale di Biella.

Fin da giovane età ha svolto attività di musica da camera, genere che le è particolarmente congeniale, in varie formazioni cameristiche, svolgendo intensa attività concertistica in Italia e all’estero, ed in particolare in quartetto con il flauto, con il quale ha ottenuto il primo premio al Concorso Nazionale di Pegli (GE).

Ha inoltre collaborato con orchestre da camera e lirico-sinfoniche, tra cui l’Orchestra del Teatro di Pisa, l’Orchestra del Festival Pucciniano di Torre del Lago (LU), l’Orchestra Toscanini di Parma e l’Orchestra Sinfonica della RAI di Torino, suonando sotto la direzione di grandi direttori d’orchestra e con solisti di fama mondiale.

Recentemente si è esibita in varie formazioni cameristiche.

In questi ultimi anni si è dedicata anche a repertori non prettamente “classici”, come il jazz e il tango.


Foto di Luisa Montagna

 


Pubblicato il 
Aggiornato il