Open      
motore di ricerca

'La finta tedesca'

'La finta tedesca'

Venerdì 10 maggio alle 21 va in scena al Teatro Crystal di Collecchio l’opera lirica ‘La finta tedesca’, frutto della collaborazione tra Conservatorio ‘Arrigo Boito’ di Parma e di HeMU-Lausanne-Sion-Friburgo.

‘La finta tedesca’, intermezzo buffo per musica in tre atti di Johann Adolf Hasse, è una piccola opera di comicità sfrenata in cui un uomo e una donna mettono alla prova il reciproco amore e la gelosia travestendosi più volte e usando diversi linguaggi.

Scritto per il teatro di San Bartolomeo in Napoli nel 1728, all’arrivo del giovane compositore tedesco in Italia, ‘La finta tedesca’ fu uno dei più popolari intermezzi del settecento, cavallo di battaglia di musicisti girovaghi e piccole compagnie buffe.


L’operina affonda le radici nei meccanismi della commedia dell'arte: sorprese, inganni, satira di mestieri, pastiche di dialetti, lingue e linguaggio tecnico.

Le schermaglie cominciano in casa di Pantalone, dove la giovane Carlotta si è fatta assumere come serva fingendosi tedesca e ingelosisce Pantalone ricevendo un misterioso ussaro. I due si travestiranno poi da avvocati, finendo inevitabilmente in un grottesco litigio da tribunale. Si perderanno infine nell'ultima scena in un misterioso bosco, luogo simbolico dello smarrimento della ragione, un luogo del mistero dove tutto è possibile. Alla fine di un cammino di comicità surreale, ne usciranno innamorati; dopo tanti inganni e travestimenti non potranno che dichiararsi un gioioso amore con disarmante semplicità. La musica, piena di sorprese, accompagna le vicende con grande vivacità ritmica, inquietudini e insospettate malinconie, per trascinare alla fine personaggi e pubblico in una danza scatenata.


La rappresentazione avrà una durata di circa 50 minuti e sarà interpretata da cantanti selezionati fra gli studenti dei corsi superiori del Conservatorio di Parma accompagnati dagli strumentisti dei corsi superiori della Haute Ecole de Musique Lausanne-Sion-Fribourg, un quintetto d'archi, chitarra e arciliuto, frequentanti il corso di introduzione alla musica barocca tenuto da Riccardo Mascia.

La regia, le scene e i costumi sono di Roberta Faroldi, il direttore musicale e clavicembalo è Riccardo Mascia.

Ingresso libero.


ALLEGATI
'La finta tedesca' Locandina Formato pdf Scarica il documento - formato pdf - 420 Kb 'La finta tedesca' Programma Formato pdf Scarica il documento - formato pdf - 489 Kb Riccardo Mascia Curriculum Formato pdf Scarica il documento - formato pdf - 600 Kb Roberta Faroldi Curriculum Formato pdf Scarica il documento - formato pdf - 328 Kb
Pubblicato il venerdì 12 aprile 2019
Aggiornato il venerdì 12 aprile 2019