Open      
motore di ricerca

Fascismo e razzismo: rifiuti non riciclabili

Fascismo e razzismo: rifiuti non riciclabili

Dopo la rassegna sul tema dei migranti, ANPI di Collecchio sezione 'Stigli', con il patrocinio del Comune di Collecchio e la collaborazione di Coop Allenza 3.0, sceglie di affrontare un argomento di grande attualità: la riproposizione di simboli, slogan, violenze verbali e fisiche da parte di gruppi neofascisti e neonazisti.

L'iniziativa intende offrire alla cittadinanza strumenti di lettura di questo fenomeno, favorendo un dibattitto consapevole e maturo.


Due appuntamenti alle 21 a 'Casa I Prati': giovedì 15 marzo si tratta de 'Il ritorno dei fascismi in Europa' tra identità e nazionalismo, ovvero la storia dell'operazione navale C Star nell'estate 2017, la campagna Defend Europe, Generazione Identitaria; ed ancora, alleanze, strategie, organizzazioni nella galassia nera.

Interviene Andrea Palladino, giornalista e documentarista, che si occupa di diritti umani, comunicazione e cultura popolare. Ha realizzato inchieste sulle ecomafie e sulla criminalità organizzata per diverse testate italiane. Vincitore di premi per il giornalismo d’inchiesta ha ricevuto nel 2017 il premio di Libera Informazione per le sue inchieste sui fascismi.


Giovedì 12 aprile, l'appuntamento sarà rivolto a 'Fascismi e non solo: il risentimento', alla ricerca di un capro espiatorio.

L’appartenenza fideistica a gruppi neofascisti (e non solo) si nutre in profondità di risentimento, un sentimento contagioso che tende ad autoconfermarsi, procurando a chi lo prova la facile certezza di essere una vittima innocente di comportamenti o intenzioni altrui (stranieri, donne, minori, ‘diversi’ in generale, ma anche, in qualche modo, le ‘caste’ e il cosiddetto ‘establishment'). Ne deriva una ricerca ossessiva di capri espiatori per le ‘cose che non vanno’, in sostituzione della ricerca creativa dei modi realistici per affrontarle.

La serata è condotta da Sergio Manghi, docente di Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi dell'Università di Parma.


Pubblicato il lunedì 12 marzo 2018
Aggiornato il sabato 7 aprile 2018